Come difenderti quando ne hai bisogno

Come difenderti quando ne hai bisogno

È un dato di fatto. Interagire con gli altri è inevitabile. Anche con il distanziamento sociale, stai ancora interagendo con le persone nelle tue cerchie personali e professionali. Che si tratti di una chiamata ZOOM o di una scuola a casa per bambini o di tenere il carrello della spesa a due metri dalla persona di fronte a te nella fila alla cassa del negozio di alimentari, trattare con gli altri è un must.

Fai del tuo meglio per essere premuroso e accomodante, ma, a volte, vengono dette e fatte cose che ti fanno sentire respinto, svalutato e scoraggiato. Vuoi rispondere, ma non sei sicuro di come difenderti.



Suona familiare?

Non sei solo. In effetti, la Society for Personality and Social Psychology, Inc. ha pubblicato una ricerca che indica che le persone hanno difficoltà anche a sapere quanto è troppo poco o troppo quando cercano di difendersi.[1]



Imparare a difendersi da soli - che tu tenda ad essere un po' timido o che abbia difficoltà a essere un compiaciuto delle persone o che tu sia dall'altra parte dello spettro - richiede tre passaggi semplici ma sicuri: autovalutazione, definizione dei confini , e pratica, pratica, pratica.

1. Autovalutazione

Quale estremità dello spettro assertivo si allinea di più con chi sei al centro? Sei più un bignè? O un biscotto duro?



Pensaci.

Quando qualcuno salta la fila in coda, è più probabile che tu rimanga in silenzio o parli?

Quando il tuo capo aumenta continuamente il tuo carico di lavoro, e al posto del compenso, l'unica cosa che aumenta sono le sue critiche alla tua prestazione, come reagisci? Lavori solo più duramente temendo per il tuo lavoro, pensando di non avere altra scelta? Oppure rispondi impulsivamente, scatenando ciò che potrebbe avere un impatto negativo a lungo termine sulla tua carriera?Pubblicità



E quando sei a casa? Quando il tuo altro significativo sembra non avere mai tempo per fare le faccende domestiche, commentando che è troppo occupato per essere disturbato e insinuando che non hai nient'altro che conta davvero sulle tue cose da fare, sei più incline a mantenere la pace o cambi subito le serrature e butti le sue borse fuori dalla porta?

Un'estremità dello spettro in realtà non è migliore dell'altra quando si tratta di difendersi efficacemente.

Comprendere le tue tendenze naturali è, tuttavia, il primo passo per capire dove sei ora quando si tratta di difendere te stesso e in quale direzione puoi scegliere di crescere che ti serve meglio.

Non importa a quale fine della scala assertiva ti trovi, puoi cambiare. È tutta una questione di trovare la tua voce e rendersi conto che difendersi non è una taglia unica e non deve essere tutto o niente; piuttosto, è un equilibrio e trovare il punto debole che funziona meglio per te.

trova un nuovo libro da leggere

2. Scegli di impostare i confini

Quindi, come fai a sapere che aspetto ha per te difendersi? È più facile di quanto tu possa pensare. Richiede solo un po' di ricerca, ed è in realtà una tecnica utilizzata nel mio coaching di terapia della scrittura.

Ecco cosa è coinvolto:

Dopo aver misurato la temperatura e aver realizzato i tuoi schemi di comportamento, è il momento di SCEGLIERE i tuoi limiti. Cosa è importante per te? Quali cose contano davvero e quali no? Cosa ti garantisce di respingere e cosa sarebbe meglio se lasciarlo andare?

Solo tu hai le risposte. E la cosa fantastica è che non c'è giusto o sbagliato. Quindi fai i compiti e ascolta il tuo istinto.

Quel saltatore di linea al supermercato o quel tizio nel traffico che ti taglia fuori è degno del tuo tempo e della tua energia? Il tuo desiderio di difenderti è aiutato dandogli o lei un pezzo della tua mente?Pubblicità

Può essere. Forse no.

A volte, quando non affrontiamo i problemi reali che ci fanno sentire respinti e scartati, lasciamo che tutto il resto, comprese le piccole cose, ci entri sotto la pelle.[Due]Se stiamo davvero analizzando i nostri non negoziabili e poi elaboriamo un piano per abbracciarli e comunicarli agli altri, sappiamo dove siamo, e anche gli altri lo sapranno. Ed è allora che iniziamo davvero a difendere noi stessi.

Quindi, per esempio, quanto è più importante la tua carriera quando si tratta di difendersi? Come ti fa sentire lavorare sempre di più senza una paga aggiuntiva o anche un ringraziamento? Quali parti di quella situazione meritano considerazione e ricalibrazione?

E per quanto riguarda la tua vita domestica? Dove si colloca questo in termini di importanza per te? Cosa hai permesso rispetto a cosa non ti va più bene? Sì, questo coinvolge gli altri significativi e la famiglia, e a volte dai più di quanto prendi quando si tratta di questioni di cuore. Ma cos'è troppo? Cosa deve essere affrontato? Se non lo sai, come ti aspetti che lo sappia qualcun altro?

Prendersi il tempo per capirli, specialmente i tuoi non negoziabili, ti dà i criteri con cui valutare le situazioni che ti capitano e scegliere consapevolmente le risposte e le azioni appropriate. Ti dà la possibilità di scegliere. La tua scelta. SCEGLI di permettere qualcosa? O SCEGLI di non farlo? Non è solo dire questo e sapere che - che hai il potere di scegliere - ti aiuta a stare un po' più in alto e respirare più liberamente?

Più scegli di mettere in pratica i limiti , più sarai in grado di difendere te stesso e andare avanti verso ciò che desideri e chi sogni di essere sia nella tua vita personale che professionale.[3]

Un inizio facile per decidere quali sono i tuoi problemi è rivedere un po' della tua storia. Fai il punto su dove sei stato.

Tu, come ognuno di noi, potresti trovare facile ricordare i momenti in cui ti sei sentito respinto e svalutato. Questi sono i momenti in cui potresti non esserti difeso e desiderare di averlo fatto. Scrivi questi. Ricorda queste memorie, non per soffermarti su di esse, ma per imparare da esse. E non fermarti qui.

Certo, difendersi ha molto a che fare con ciò che NON VUOI. Ma ha anche a che fare con quello che vuoi. Quindi assicurati di dedicare un po' di tempo a rivisitare ciò che ti ha fatto sentire potente e inarrestabile. Che fine ha fatto e perché? Annota quelle cose.Pubblicità

se ci fossero 100 persone nel mondo

Una volta che hai fatto le tue liste, chiediti di cosa vuoi di più di queste esperienze passate? E, cosa molto importante, cosa non vorresti che accadesse mai più? Cosa non tollererai più? È così che impari non solo a difendere te stesso, ma come iniziare a metterti sulla strada della creazione e del gioco secondo le tue regole.[4]

3. Trasforma il tuo pensiero nella pratica

Ciò che hai permesso è ora dettagliato da te: in primo luogo con la tua autovalutazione e in secondo luogo con i tuoi limiti di impostazione. E solo per essere chiari... sì... l'hai permesso.

Oprah Winfrey ha detto spesso,[5]

Insegniamo alle persone come trattarci.

Quindi scegliere (per qualsiasi motivo) di non difendere te stesso è parte del motivo per cui non stai ottenendo il rispetto che desideri e meriti.

La buona notizia, tuttavia, è che anche questo può essere cambiato. Qualunque cosa sia venuta prima di questo momento, ora è il tuo passato. Non puoi cambiarlo. Ma puoi usare ciò che hai imparato ora per farti sentire respinto e scartato una cosa del passato.

Armato della conoscenza di te e dei tuoi nuovi non negoziabili, puoi spostare il tuo pensiero nella pratica.

Tutto ciò di cui hai bisogno è un piano - una nuova prospettiva sul nuovo te - che prenda provvedimenti per esercitarti a difenderti quando è necessario.

Un modo infallibile che funziona per potenziare le persone che alleno include un po' di recitazione giocosa. Se difendere te stesso si rivela una lotta troppo grande, allora fai finta di non essere te stesso. È sempre più facile difendere qualcun altro, vero?Pubblicità

Quindi, durante le tue sessioni di pratica, scegli uno dei seguenti scenari:

Agisci come se stessi sostenendo la persona che SEI tu da qualche parte in un futuro non troppo lontano (la persona che ha già imparato a difendersi da sola) o diventa la voce per quel ragazzino che è in te che è ancora lì e che ha bisogno di te combattere per loro.

Quando ti allontani da te e dalle storie che ti sei raccontato su di te, puoi oggettivamente difendere ciò che sei veramente e, prima che tu te ne accorga, diventare la persona che eri sempre destinato a essere.

Non è complicato. Usa la tua immaginazione. Io stesso ho un avatar che chiamo Powerlina (una versione audace di me stesso che puoi vedere qui). Indossa un mantello e ha una P gigante sul petto. Lei è l'eroe che è in me, e quando ho bisogno di difendermi, cambio il mio modo di pensare e di esercitarmi scegliendo di pensare, parlare e agire nel modo in cui farebbe Powerlina il supereroe. È divertente ed efficace.

cosa fai per divertirti?

Prima di decollare, sappi questo...

Imparare a difendere te stesso non solo ti dà potere, ma può essere un'avventura entusiasmante, se scegli di affrontarla come tale. Dipende tutto da te. E la parte migliore è che hai già ciò di cui hai bisogno dentro di te.

Allora dimmi, quali sono i prossimi passi che farai e di che colore è il tuo mantello?

Altro sull'autoaffermazione

Credito fotografico in primo piano: You X Ventures tramite unsplash.com

Riferimento

[1] ^ Società per la personalità e la psicologia sociale, Inc.: Spingendo nel buio: cause e conseguenze della limitata autocoscienza per l'assertività interpersonale
[Due] ^ Psicologia oggi: frustrato? Probabilmente c'è un'altra emozione presente
[3] ^ Linea della salute: La guida no BS per proteggere il tuo spazio emotivo
[4] ^ Paolina Milana: Gioca secondo le tue regole Guida pratica
[5] ^ Oprah: Dottor Phil: Insegni alle persone come trattarti