Perché pensi di non essere abbastanza bravo e come credere in te stesso

Perché pensi di non essere abbastanza bravo e come credere in te stesso

Hai mai voluto dire qualcosa al lavoro, ma una vocina dubbiosa si è insinuata e ha detto: e se ti sbagli? ?

Forse volevi fare domanda per quella promozione o chiedere un appuntamento a quella persona speciale, ma qualcosa ti ha impedito di agire. Quando pensi di non essere abbastanza bravo, tendi a temere il risultato e a mancare di fiducia nelle tue capacità. Ecco perché è fondamentale scoprire come credere in te stesso in modo da poter raggiungere i tuoi obiettivi e creare la vita dei tuoi sogni.



Qualunque sia la tua situazione, le paure e i dubbi che le tue false convinzioni creano ti fermeranno sempre. Identificare le convinzioni che ti portano a sabotare la tua vita è il primo passo per rimuoverle.

L'insicurezza provoca inazione e l'inazione porta al rimpianto. Quando non segui la tua passione e non vivi la vita dei tuoi sogni, ti rimangono molte domande:



  • E se avessi rischiato con me stesso?
  • Avrei potuto avere una vita migliore se avessi preso più rischi?
  • Sono soddisfatto dell'eredità che lascio?
  • Cosa avrei potuto ottenere se non mi fossi accontentato di meno?

Allora perché pensi di non essere abbastanza bravo?

1. Essere genitori

La percezione che hai di te stesso si basa sulle tue esperienze passate. Ci sono studi che mostrano che i bambini imitano tutto, dalla capacità dei genitori di regolare le emozioni, alla convinzione dei genitori sul denaro.[1]



Ho avuto clienti che non credevano di essere abbastanza bravi perché non avevano ricevuto alcun rinforzo positivo da bambini. Quando erano giovani, i loro genitori erano estremamente iperprotettivi.

Pensa alle sfide della tua infanzia come i draghi che hai dovuto uccidere. Ogni ostacolo che hai superato era un altro drago che hai rimosso con successo dalla tua vita. Man mano che uccidi più draghi, la tua autostima e la fiducia in te stesso aumentano. Quando qualcuno ha genitori iperprotettivi, i suoi genitori finiscono per uccidere i draghi.Pubblicità

Di conseguenza, il bambino acquisisce maggiore fiducia nelle capacità dei genitori, pur continuando a dubitare delle proprie.



Se non sei mai incoraggiato a uccidere i tuoi draghi, inizi a dubitare che tu possa farlo. È naturale per un bambino concludere che i suoi genitori lo aiutano sempre perché pensano di averne bisogno. Questo bambino invecchia in un adulto che crede ancora di non essere abbastanza bravo. Cercano l'aiuto e la conferma degli altri e raramente resistono all'opposizione.

Soluzione: uccidi i tuoi draghi!

Se vuoi credere in te stesso, dovrai fare dei passi per ricostruire la tua fiducia in te stesso. Inizia mantenendo la parola data agli altri e arrivando puntuale. Mostrando a te stesso che gli altri possono (e lo fanno) fidarsi di te, ti sentirai più a tuo agio nel fidarti di te stesso.

Mentre ti sposti verso compiti più grandi e più impegnativi, hai costruito una base di fiducia nella tua capacità di mantenere la parola data. Successivamente, vorrai reclamare la tua spada dagli altri. All'inizio, potresti confidarti con chiunque stia attualmente uccidendo i tuoi draghi.

Comprendi se è il tuo genitore o qualcuno che ti ama, vogliono il meglio per te e hanno buone intenzioni. Dirai semplicemente loro che vuoi fare il lavoro e chiederai loro i loro pensieri nella fase di pianificazione. Sentiti libero di fare il check-in con loro e di dare loro aggiornamenti sui tuoi progressi, assicurandoti che capiscano che vuoi fare il lavoro da solo.

cibo da mangiare quando si ha la nausea

Quindi, quando l'attività è completata, informali in modo da poter festeggiare insieme. Ora che hai ucciso il tuo drago, puoi iniziare a recuperare la tua fiducia. Usandoli come guida, ottieni il vantaggio aggiuntivo di qualcuno che rispetti e ammiri, che ti dice quanto sei fantastico.

Pensalo come un passaggio simbolico della torcia. Ora siete entrambi cacciatori di draghi. Il che significa che tutti gli attributi positivi che hai attribuito loro mentre uccidono i tuoi draghi, ora appartengono a te.

2. Esagerare e semplificare eccessivamente

Le tue esperienze passate possono coinvolgere te o qualcuno vicino a te che fallisce. Quando sperimenti il ​​fallimento, puoi perdere il tuo desiderio di continuare. Questo ha meno a che fare con il fatto che tu sia coraggioso o spaventato, e più a che fare con il fatto che alla tua mente non piace il fallimento.Pubblicità

A nessuno piace partecipare a eventi in cui si esibiscono poco. Al di fuori dei soliti motivi di imbarazzo, sentimenti di inadeguatezza e paura di fallire, semplicemente non è divertente.

Chi vuole giocare a baseball se colpisce ogni volta che è il suo turno? Ti piacerebbe cantare di fronte a un pubblico se venissi fischiato fuori dal palco ogni volta che ti esibisci? Potrei continuare, ma penso che tu abbia colto il punto.

La cosa su questi due esempi è che nessuno colpisce davvero ogni pipistrello. È anche improbabile che qualcuno possa essere fischiato fuori dal palco ogni volta che si è esibito di fronte a un pubblico.

Quello che finisce per succedere è che semplifichi ed esageri le tue esperienze passate e poi la tua mente ti crede. Se ritieni di non essere abbastanza bravo da chiedere a qualcuno un appuntamento perché ti dicono sempre di no, allora non sorprenderti se non hai mai il coraggio di farlo.

Se vuoi superare questi sentimenti di inadeguatezza, inizia cambiando le tue convinzioni. Questo esercizio non deve essere complicato. Se credi di fare strike ogni volta che è il tuo turno, voglio che tu vada in una gabbia di battuta e continui a oscillare finché non colpisci la palla da baseball.

Quando hai successo, voglio che tu prenda un appunto mentale, lo scriva o lo faccia registrare a qualcuno. Questa è la tua prova che non sempre colpisci. Quindi, ogni volta che riaffiora la tua convinzione di non essere abbastanza bravo, riprodurrai quel video.

libri più interessanti da leggere

Indipendentemente dalla situazione, puoi trovare un'esperienza di successo che stai trascurando.

Soluzione: leggere i fallimenti degli altri

Sembra un po' folle, lo so, ma leggere dei fallimenti di altre persone di successo migliorerà la tua fiducia. In uno studio condotto dalla Columbia University, hanno scoperto che insegnare agli studenti i fallimenti dei grandi scienziati li ha incoraggiati a fare meglio.[Due] Pubblicità

Quando combatti la paura e l'insicurezza, tendi a esagerare eccessivamente le capacità degli altri e a sminuire le tue al confronto. Inizi a credere che quelli di successo abbiano successo perché sono coraggiosi che si prendono dei rischi, che non accettano un no come risposta. Dici a te stesso, loro sono destinati ad avere successo, mentre tu no.

Quando sei in grado di relazionarti con il successo, inizi a capire che hanno le stesse lotte e sfide che hai tu. L'unica differenza è che hanno continuato ad andare avanti.

Ora non è una questione se puoi avere successo, è una questione se vuoi avere successo.

3. Sottovaluta te stesso

Qual è la differenza principale tra qualcuno che crede di essere abbastanza bravo e qualcuno che non lo crede? La persona che crede di essere abbastanza brava capisce di essere una persona di valore.

Quello che voglio dire con questo è che se non credi di valere la pena di essere ascoltato, non avrai niente da dire. Se non credi di essere abbastanza bravo da essere rispettato e trattato come tale, accetterai e razionalizzerai ogni tipo di maltrattamento.

C'è un vecchio detto che ci tratta come ci lasciamo trattare. Quando qualcuno ha la fiducia e l'autostima che incutono rispetto, non accetterà di essere trattato in alcun modo. Tuttavia, se qualcuno non si considera degno, rimarrà in situazioni tossiche perché non crede che ci sia qualcosa di meglio all'orizzonte.

La dottoressa Jennifer Crocker, che ha lavorato a una serie di studi sull'autostima, ha scoperto nella sua ultima ricerca che:[3]

Gli studenti universitari che hanno basato la loro autostima su fonti esterne, tra cui aspetto, approvazione da parte degli altri e persino il loro rendimento scolastico, hanno riportato più stress, rabbia, problemi accademici, conflitti relazionali e hanno avuto livelli più elevati di uso di droghe e alcol e sintomi di disturbi alimentari

Soluzione: interiorizza la tua autostima

Invece di valutare te stesso in base ai premi, ai riconoscimenti e ai riconoscimenti degli altri, devi cercare internamente . Basando la tua percezione di te stesso sui tuoi valori fondamentali, puoi riprendere il controllo sull'immagine di te stesso.

Invece di concentrarti su cose che sono fuori controllo, tieni la mente su ciò che ti rende speciale. Non sei definito dal tuo lavoro, relazioni, religione o istruzione. Piuttosto, sei definito dal modo in cui partecipi a queste cose. Potresti essere una persona creativa, laboriosa e compassionevole; e questo si vede in ogni cosa che fai.

Comprendi che non è necessario essere sempre creativi, laboriosi e compassionevoli per considerare queste cose. Non stai cercando di essere perfetto, ma stai cercando di connetterti con il tuo vero sé.

Comprendendo le somiglianze in cui affronti gli obiettivi, costruirai un'autostima coerente e potente che si distingue dalle conferme esterne.

Pensieri finali

Non permettere alle tue esperienze passate di dettare il tuo successo futuro. Non vuoi guardare indietro alla tua vita e avere molte domande e rimpianti.

Costruisci la fiducia in te stesso agendo oggi. Questo ti aiuterà a costruire la fiducia di cui hai bisogno per credere in te stesso e nella tua capacità di diventare il campione della tua vita.

Più ispirazione sulla motivazione

Credito fotografico in primo piano: Riccardo Mion via unsplash.com Pubblicità

Riferimento

[1] ^ Vanderbilt: Influenza dei genitori sullo sviluppo emotivo dei bambini
[Due] ^ CHE COSA: Anche Einstein ha lottato: effetti dell'apprendimento delle lotte dei grandi scienziati sulla motivazione degli studenti delle scuole superiori ad apprendere la scienza
[3] ^ CHE COSA: L'autostima basata su fonti esterne ha conseguenze sulla salute mentale, secondo uno studio